Pubblicato il

Valpaint Polistof – effetto tessuto vellutato

Siete alla ricerca di una pittura raffinata ed elegante, possibilmente bella da toccare e dall’aspetto vellutato?

L’avete trovata!

Il Polistof e’ una pittura all’acqua ad effetto tessuto vellutato.

L’aspetto finale e’ cosi’ particolare e raffinato al punto da collocarsi al confine tra pittura cromatica  e tessuto.

Ideacolor ha utilizzato il polistof per la prima volta  nel 2004 , quando ancora la confezione era verde e veniva consigliata l’applicazione a pennello.

A distanza di anni , il Polistof ha compiuto piacevoli passi in avanti: Confezione nera (tipica dei marchi e dei prodotti prestigiosi), applicazione a rullo (prima severamente vietata) e piu’ deleghe ai rivenditori ( possibilita’ di colorare in loco il materiale).

Tutto questo rende il  Polistof piu’ vicino all’applicatore . Non da meno sono le caratteristiche visive e tattili. Irresistibile la voglia di toccare la parete rifinita con il Polistof... non esitate a provare  perche’ fa’ parte della soddisfazione di tutti coloro che lo propongono.

Come si applica il Polistof? E’ ovvio che la scheda tecnica indica tutti i passaggi necessari . Ma in sintonia con l’obiettivo di Ideacolor, cioe’ di tradurre la pratica in teoria, aggiungiamo dettagli su alcune situazioni tipiche.

  • E’ necessario che la superficie sia liscia?

E’ assolutamente necessario che prima di intraprendere il ciclo applicativo relativo al fondo e al polistof si provveda alla rasatura con stucco.  Questo permette di apprezzare l’effetto finale sia a livello visivo che tattile. In ogni caso piccole imperfezioni sono meno visibili di un idropittura lucida, per cui non allarmatevi, e’ sufficiente una preparazione al pari della maggioranza dei prodotti decorativi.

  • Devo per forza procedere con le due mani di prodotto?

La tentazione e’ sempre legata al risparmio di tempo e denaro. Non conviene evitare una mano perche’ non permette di avere lo stesso effetto finale.

  • Si puo’ applicare il Polistof sul cartongesso?

Certamente! E’ da ricordare comunque che l’assorbimento e’ piu’ rapido rispetto ad un intonaco. Inoltre e’ piu’ probabile che l’aspetto finale sia meno omogeneo , presentando sfumature di colore piu’ evidenti.

  • Come posso fare per evitare giunture o evidenti tracce del rullo?

In questo caso ci sono diverse scuole di pensiero. La scuola dell’esperienza ha suggerito di applicare il prodotto in maniera abbondante e  con movimenti simili ad uno spalter. Il vantaggio e’ che non e’ assolutamente possibile avere una linea orizzontale o verticale ben definita , ma solo ombreggiature tipiche del velluto. A proposito di questo aspetto: a meno che non siano piccole superfici non si puo’ ottenere un aspetto perfettamente omogeneo.

  • Se volessi renderlo glitterato?

Niente di piu’ semplice! Nel catalogo, con una chiarezza estrema, i colori sono visibili con o senza glitter. Per essere specifici si tratta di L50 Col. 301 che si aggiunge al polistof. Interessante e’ il fatto che scegliete voi la quantita’ desiderata, ottenendo a vostro piacimento l’effetto glitterato.

In ogni caso , se avete intenzione di rivestire le pareti  di casa  con il Polistof e chiedete consigli ad architetti e interior design, ci sara’ un coro unanime di consensi. Il mio consiglio e’ di recarvi personalmente dai rivenditori specializzati e affidarvi ad artigiani competenti. Il vantaggio e’ quello di trovare personale qualificato che non vi vende solo il prodotto, ma vi offre le proprie conoscenze e passioni nel settore. Inoltre se dispone di uno show room la scelta sara’ piu’ semplice e gratificante.