Pubblicato il

U llattaturi (l’imbianchino) racconto breve

Racconto con traduzione dal siciliano all’italiano.

 

Ma pirchi’ s’avissi a chiamari  u llattaturi?

A di tiempi i casi eranu che canni ndo tettu e i mura erano co issu.

Perche’ si chiama imbianchino?

A quei tempi le case avevano i soffitti con le canne e le pareti con il gesso

 

 

Na vota l’annu, si chiamava u llattaturi, ca cuacina ianca, cchiappava a pompa e sgricciava tutti cosi.

Nda na iurnata i patruni a casa abbiavanu di quattru mobili fora, a mienzu a strata, e u llattaturi cu na manu pumpiava e cu l’autra allustrava.

Una volta l’anno si chiamava l’imbianchino, che con la calce bianca, prendeva una pompa e spruzzava tutto.

In una giornata sola, i padroni di casa mettevano i pochi mobili fuori, in mezzo alla strada, e l’imbianchino con una mano faceva su e giu’ con la leva della pompa e con l’altra imbiancava.

 

 

Si cumminava u zimmu, cuacina a tutti banni, un manicomiu.

I picciriddi facevanu festa, picchi’ unni c’e’ frasciami ci su iddi.

Ci’ aviti presenti quannu c’e’ na orna cu l’acqua o co fangu? Unni su i picciriddi? Da intra a sciacquariarisi!

La scena era simile a un porcile, calce ovunque, un manicomio.

I bambini erano contenti, perche’ dove regna il disordine loro sono presenti per giocare.

Avete in mente quando c’e’  una pozzanghera d’acqua o di fango? Dove sono i bambini? La’ dentro a divertirsi!

 

 

Vuci, schifiu, malapparoli…ee chiddu pumpiava, picchi’ a cira squagghia, e avanzi ca  scura sa’ finiri.

A finuta nun c’e’ chi diri, tutti cosi ianchi su, macari iddu, ma ca’ fari a famigghia sa’ campari.

Daccussi’ amu crisciutu tanti siciliani, n’ mienzu a cuacina.

Urla, disordine, bestemmie…e l’imbianchino lavorava, perche’ la cera si scioglie, e prima che faccia buio si deve finire il lavoro.

Alla fine non c’e’ niente da obiettare, e’ tutto bianco, anche lui, ma pazienza visto che la famiglia si deve mantenere.

Cosi’ siamo cresciuti tanti siciliani, in mezzo alla calce.

 

 

 

Vora , chiddi chiu’ nichi mancu a canusciunu a pompa, a cuacina, u llattaturi.

Sulu chiddi cchiu’ antichi u chiamanu ancora u llattaturi,  forsi pirchi’ ci fa pinsari o latti, o latti iancu e pulitu, ciauriusu…ma pi sapillu na vota pi sempre s’avissi a turnari nnarrieri e adddumannariccillo proprio e llattaturi.

Adesso, i piu’ piccoli non conoscono la pompa, la calce, l’imbianchino in questo contesto (llattaturi).

Solo quelli piu’ grandil lo chiamano ancora llattaturi, forse perche’pensano al latte, al latte bianco e pulito, profumato…ma per saperlo dovremmo tornare indietro e domandarlo proprio a loro.

 

 

 

Macari iddu si canciau u nomi, vora u chiamanu” l ‘imbianchino”, annunca “il pittore edile” .

Macari i travagghi su diversi, i casi, i culuri, i cristiani.

Anche lui si e’ cambiato il nome, ora si chiama “l’imbianchino, o “il pittore edile”.

Anche i lavori sono diversi, le case, i colori , le persone.

 

 

 

Vora ci voli u cattuni pi cummigghiari n’terra, s’a’ scartari u culuri, ci voli un misi pi finiri, ci voli ancigneri, i carti a rieula, i carusi ca  ta aiutanu, u durc e u pos (ca nun su du mastri)macari ca nun ci su sordi ca abbastanu, assicurazioni, u furguni… i trispiti e i tavuli.

Adesso ci vuole il cartone per coprire a terra, si deve scegliere il colore, ci vuole un mese per consegnare, serve l’ingegnere, le carte in regola, gli operai che ti aiutano, il durc e il pos ( che non sono 2 mastri) anche se ti costano di piu’, assicurazioni, il furgone…i trispiti e i tavuli.(modo di dire , indicante cavalletti in ferro e tavole in legno che fungevano da rete per il materasso)

 

 

 

Veru e’ ca u llattaturi era sulu,chiossai chiossai cu nu sceccu o u mulu, ma do un gghiorno spidugghiava na famigghia, siggieva e si ni nesceva.

Ma n’tantu, accussi’ e’ sa ghiri avanti, avanti, avanti…ma nun si sapi ne cuomu e ne quannu, ogni gghiuornu ca passa si parra de cosi naturali, de cosi antichi, u furguni ca nun po caminari no centru storico, u culuri assiri a basi di cuacina, i travagghi l’avi a fari chiddu di fiducia,… “u total white”, …ca nun e’ autru ca tuttu iancu.

Vero e’ che l’imbianchino era solo, al massimo con un asino o un mulo, ma in un giorno sbrigava una famiglia, prendeva i soldi ed era libero.

Purtroppo e’ cosi’, bisogna andare sempre avanti, avanti, avanti…ma chissa’ come mai senza sapere come e quando, ogni giorno che passa si parla di cose naturali, di cose antiche, del furgone che non puo’ circolare nel centro storico, il colore che deve essere a base di calce, che il lavoro deve farlo uno di fiducia…”il total white”,…che non e’ altro che tutto bianco.

 

 

 

U sapiti chi vi dicu: iu a ma vita l’haiu passatu di llattaturi , haiu circatu di campari sereno e tranquillu..vora va spidugghiati vuatri.

Sapete che vi dico: io ho trsacorso la vita da imbianchino, sono riuscito a vivere sereno e tranquillo…adesso sono problemi vostri.

 

 

 

Chiddu ca vuliti fari faciti, come vi vuliti chiamari vi chiamati, ma na ssi’ casi ianchi hanu crisciutu i vuostri nanni. 

Cu sa passava bona , accuminciau a strummintari co rullu ca ci aviva u serbatoio, ca si putieva stampari i ciuri n’do muru.

Ma chissi erano cristiani ca circavanu  spinguli francisi, ca nasca n’da l’aria, ca circavanu i cosi streusi, i cosi chiu’ camurriusi.  

Quello che volete fare fate, come volete chiamarvi vi chiamate, ma in queste case bianche sono cresciuti i vostri nonni.

Chi stava bene, inizio’ a sperimentare con il rullo con il serbatoio, che permetteva di stampare fiori nelle pareti.

Loro erano persone che cercavano ( i termini usati sono fortementi tipici del dialetto siciliano), in sostanza  cose esclusive, diverse, capricciose, stravaganti e con atteggiamento altezzoso. Per curiosita’ della parola streusi guarda la traduzione della canzone “a finestra” di Carmen Consoli.

 

Forsi grazie a iddi, siemu iunti cca’.  Nun ci su cosi chiu’ ca n’abbastanu. Appena ni tingiemu a casa, antica e’.

U tiempu ca sfogghi a paggina do catalugu, u po ittari ca gia’ ci n’e’ n’autru.

Forse e’ grazie a loro che ci ritroviamo qua.  Non c’e’ piu’ nulla che ci soddisfa. Appena tinteggiamo la nostra casa, e’ gia’ antiquata.

Il tempo che giriamo pagina del catalogo, gia’ possiamo buttarlo perche’ c’e’ quello nuovo.

 

 

Carissimi cumpari , ma amu iutu avanti o nn’arreri? 

Chi vuliti ca vi dicu…mi sa ca vora ata parrari vuatri, pirchi’ nenti sacciu, nenti visti, mancu c’era e si c’era durmeva.

Carissimi amici, siamo andati avanti o indietro?

Cosa volete che vi dico…adesso tocca a voi parlare, perche’ niente so, niente ho visto, nemmeno c’ero e se c’ero dormivo.

 

P.S  La traduzione e’ relativa ai concetti delle frasi. Non vi nascondo che e’ difficile trovare un termine corrispondente per ogni parola dialettale.

Anche scrivere in siciliano e’ difficile, e perdonatemi per errori commessi. Anzi aiutatemi a migliorare il testo con i vostri suggerimenti.

Chiaramente ogni zona della sicilia ha le sue differenze, ma questa storia e’ improntata nella zona Sicilia Orientale.