Pubblicato il

5 buoni motivi per scegliere un fotomurale

Oggi ti svelo 5 buoni motivi per scegliere un fotomurale. Ne avrai senito parlare sicuramente, ma l’idea ti spaventa o non senti la necessità di cambiare look alla tua casa, al tuo ufficio o al tuo negozio.

Ok. Stavo cercando proprio te per indicarti 5 buoni motivi per scegliere un fotomurale. Vedrai che supereranno i motivi per cui non sceglierli.

  1. I fotomurali sono resistenti e lavabili.
    Durevole, resistente all’acqua ed ai graffi. Può essere montato in ogni stanza, anche in bagno e in cucina. . Crea uno strato isolante dal freddo e permette ai muri di respirare. Stampa impermeabile e molto resistente.
  2. I soggetti proposti stupiscono e arredano, soprattutto in 3d. Un ambiente con assenza di luce naturale può essere stravolto con i soggetti che offrono profondità, luminosità, mare, paesaggi incantevoli. Un ventaglio di scelta notevole è offerto dai fotomurali 3d che ti trasportano in una dimensione surreale e fantastica.
  3. I fotomurali nascondono piccole imperfezioni della parete.
    Una parete ha sempre delle imperfezioni e per toglierle è necessario preparare la parete in modo opportuno e professionale. Con i fotomurali, si può procedere serenamente anche in presenza di piccole imperfezioni. Il disegno e la superficie semi-opaca renderanno il lavoro di posa molto veloce e soddisfacente.
  4. Design ideale per attività commerciali, di ristorazione e hotel.  Con una spesa molto contenuta, si possono rinnovare camere di hotel, si possono rendere accattivanti i negozi, personalizzare gli studi professionali. I depliant e le brochure delle strutture ricettive trasmettono qualcosa in più rispetto alle immagini di pareti “svestite”.
  5. I fotomurali ti trasmettono emozioni. Sono sicuro che guardando alcune foto che ti sono care, in cambio ricevi emozioni uniche. Allo stesso modo, un fotomurale è molto , ma molto di più di unsemplice soggetto soggetto.

A proposito, i tuoi motivi per non scegliere un fotomurale? Ci sono ancora?

Scopri la vasta collezione presente su ideacolor.

Il tuo fotomurale … ti sta aspettando!

Pubblicato il

Chi deve scegliere il colore delle pareti?

Dopo tanti articoli sui fotomurali, adesso vorrei proporti qualche pensiero sugli alleati ( e non nemici) dei fotomurali.

Ci sono cascato di nuovo! Ho scritto fotomurali. Scusa!

Ricominciamo. Una delle scelte più difficili in una casa è la scelta del colore. Internet, amici, parenti, riviste di arredamento e tante altre fonti ci propongono immagini che sembrano fantastiche.

La realtà purtroppo è di altro avviso  e compete con situazioni più ampie e curiose.

Quindi, alla domanda : chi deve scegliere il colore delle pareti?

Tu che risposta daresti?

  1. Il cliente. E’ ovvio che essendo il proprietario della casa, ha più voce in capitolo. Ma avere proprietà  e disponibilità economiche non offre automaticamente le competenze. E’ vero che si tratta di un colore… ma ricorda che è tra le prime cose che noterai entrando in casa e sarà lo sfondo per valorizzare i tuoi arredi.
  2. L’architetto. La figura dell’architetto divide in due il mondo dell’edilizia. Qualunque sia stata l’esperienza che hai vissuto, non dimenticare che l’architetto ha studiato ed esercita una professione che privilegia il bello e l’armonia. Non è insolito scoprire accostamenti cromatici a cui non avresti mai pensato.
  3. Il Pittore. In qualità di esecutore dei lavori, ha a disposizione l’esperienza lavorativa. Oltre a suggerire di fare dei provini di colore per vedere l’effetto sull’intera superficie, potrà consigliare l’intensità del colore in funzione della luce presente in casa. Non sarebbe male chiedere un parere sulla qualità dei materiali. Essendo sul campo ogni giorno, il pittore saprà indicarti se il prodotto è lavabile, ritoccabile, traspirante e ti illustrerà i vantaggi e gli svantaggi.
  4. Il rivenditore. La sua posizione è privilegiata, in quanto molti non scelgono l’architetto, altri non chiamano un pittore, ma da qualche parte questo colore si deve comprare. Se il rivenditore è di fiducia e ha dato prova di essere altamente preparato , allora è una risorsa a tuo vantaggio. L’unica limitazione è data dal fatto che non sarà in cantiere, per cui saranno consigli utili, ma da “banco”.
  5.   Il muratore. Forse ti stai chiedendo cosa c’entra. Ebbene, devi sapere che è il primo in assoluto ad iniziare i lavori in loco. Non è difficile dispensare consigli su piastrelle, infissi, caldaie e … colore delle pareti. Il tutto supportato da foto contenute nel proprio dispositivo elettronico. La realtà di ogni cantiere è che si fanno tanti e tanti cambiamenti in corso d’opera. Figuriamoci se la tempistica dell’argomento sia consona al momento. Discorso diverso per gli esterni, dove non solo il muratore potrà utilizzare pitture antiumido, ma anche le malte necessarie. Un suo consiglio e la sua esperienza è fondamentale.

Lo sai che dopo aver scritto questi 5 punti, non sò più chi deve scegliere il colore delle pareti?

Forse è il caso di trovare una sana collaborazione!

Quasi quasi … metto un fotomurale!