Pubblicato il

Tinte forti nelle pareti – mode e tendenze

DSC00370
www.ideacolor.it

Tinte forti ?

 Di solito si procede con la tinteggiatura di una sola parete con colori forti A proposito, con l’espressione tinte forti intendiamo colori non solo scuri, ma anche intensi o accesi quali verde mela, giallo limone, rosso etc. In altre parole tinte che nessuno direbbe che sono chiare o neutre.

La proposta Ideacolor e’ quella di invertire l’ordinario.

Avete mai pensato di tinteggiare tre pareti con tinte forti e una di colore chiaro? Per colore chiaro… si raggiunge un ottimo risultato con un prodotto decorativo in tinta.

DSC00368
www.ideacolor.it

Nel caso indicato in foto l’accostamento e’ tra il tattoo karma e l’ultrasaten oikos. L’effetto della parete con tattoo karma e’ particolare gia’ di suo, ma circondato dal colore scuro…e’ come se acquistasse piu’ luce e bellezza. D’altra parte il verde scuro ultrasaten si presenta molto elegante e fine, per via della finitura del film.

Una tendenza , una moda…personalizzata!

Ormai e’ normale vedere una parete bordeaux, una blu, una arancio , una grigia. La novita’ potrebbe essere le tre pareti colorate e una parete piu’ chiara.

COSA FARE:

  • Scegliete una tinta forte ma nello stesso tempo tenete conto della luce della stanza
  • Stendete una prima mano nelle 3 pareti prima di acquistare tutto il colore
  • Osservate il colore sia di giorno che la sera con luce artificiale
  • Accostate un provino di prodotto decorativo nella parete che verra’ chiara
  • Considerate quanta superficie rimarra’ libera visivamente  (non coperta da mobili)

COSA NON FARE:

  • Scegliere il colore nel catalogo e dire che sara’ quello. Un piccolo pezzo da’ una percezione del colore ingannevole rispetto alla realta’. Potreste scoprire che il colore non vi piace o e’ troppo scuro.
  • Acquistare idropitture economiche.  Infatti se vi addentrate nell’argomento con il rivenditore , scoprirete che della stessa marca non tutti i colori sono ottenibili. SE si vuole forzare questa regola si rischia di avere il colore non omogeneo e con i contorni degli angoli ben visibili.
  • Comprare il bianco e i coloranti. Non e’ sempre posiibile avere una tinta forte in questo modo. Le basi cambiano in funzione del colore scelto. A volte e’ una tinta base o base trasparente TT. Un esempio tra tutti e’ la differenza tra un arancio ottenuto con base bianca e un arancio ottenuto con base gialla. Il primo risulta pallido , mentre l’ultimo brillante.
  • Fare i provini sul muro . Anche se daremo tante mani, la parte dove abbiamo pennellato avra’ sempre un fondo piu’ scuro. In controluce si avvertita’ sempre che c’e’ una zona piu’ scura, anche perche’ a volte e’ lo spessore del colore o la stessa pennellata che fara’ da spia. Meglio utilizzare un pezzo di cartongesso.

 Le tinte forti sono un po come i vestiti che acquistiamo. A volte capita che ci innamoriamo di un abito in vetrina … per poi abbandonarlo non appena provato. E’ anche vero che capita il contrario!

Quindi non entusiasmatevi subito con la mazzetta dei colori in mano, ma ragionateci sopra. I mobili , il pavimento, la luce…sono cose da considerare. Un architetto puo’ fornirvi utili indicazioni.Voi stessi osservando negozi, case , riviste, siti web fatevi un idea.

Qual’e’ il colore giusto?

A voi la risposta!